Firenze Rifredi? Meglio il Far West… – foto di Alessandro Guerrini

firenze rifredi - foto di alessandro guerrini

Firenze, stazione di Rifredi, una domenica pomeriggio di giugno del 2019,  e giusto quei 36 °C di temperatura che ti danno la carica. Ma la stazione esiste davvero? No, esiste una rivendita di biglietti a fasce chilometriche, ovvero un tabacchi, tanto per capirsi, chiuso perché festivo. Esiste una scala larga a malapena un paio di metri e mezzo che dà accesso al sottopassaggio che poi dà accesso ai vari binari risalendo altre scale più strette. E se sei in carrozzina o hai altri problemi di mobilità, oppure semplicemente hai qualche bagaglio dietro, ti attacchi al tram, come si dice da queste parti (in realtà manco quello che la fermata più vicina è a non meno di 700 metri di distanza)! Nel sottopassaggio in corrispondenza di ogni binario c’è un bel pannello informativo….nero! Sali le scale verso un binario qualunque ed anche qui tutti i pannelli sono irrimediabilmente neri. L’unico aiuto viene dalla voce gracchiante degli altoparlanti che, se sei fortunato, annuncia il ritardo del treno che vuoi prendere insieme al relativo binario: e forse capisci dove devi dirigerti per salirci quando si degnerà di arrivare.

Il Far West era più accogliente e sicuramente si trattava di un ambiente meno ostile e più user friendly….

Alessandro / GPH

Lo sai che i papaveri… – foto di Alessandro Guerrini

papaveri - foto di alessandro guerrini

Una volta i papaveri erano alti alti alti….e si trovavano nei campi a fine maggio o addirittura ad  inizio giugno, a colorare immense distese verdi di un rosso acceso. Ed io ero piccolino. Adesso io non sono più tanto piccolino….ed i papaveri non mi sembrano più così alti. E questo ci può anche stare. Ma siamo solo a Pasqua! Per alta che possa essere, sempre Pasqua è! E aprile non è maggio, figuriamoci giugno….

Auguri!

Alessandro / GPH

Pioggia di colore – foto di Alessandro Guerrini

pioggia di colore - foto di alessandro guerrini

Un pò di colore, pioggia o non pioggia, e l’umore migliora sensibilmente ed in maniera quasi istantanea. Rosso, verde, viola, giallo, azzurro, arancione….: un personalissimo arcobaleno.

Alessandro / GPH

Il solito egocentrico… – foto di Alessandro Guerrini

il solito egocentrico - foto di alessandro guerrini

E’ primavera.

E devi essere più grande, più alto e pure di un colore diverso dal resto del gregge, possibilmente sgargiante, o altrimenti le api non ti si filano e tu rimani solo con i tuoi pollini senza la possibilità di riprodurti.

Insomma la guerra è guerra!

E la natura è semplicemente fantastica.

Alessandro / GPH

Uno si ed uno no… – foto di Alessandro Guerrini

uno si ed uno no - foto di alessandro guerrini

E come te lo spieghi? Eppure sono due piante della medesima specie. E sono due alberi più o meno della stessa dimensione, facilmente di età paragonabile direi. Ma una è ancora totalmente spoglia e sembra ancora in letargo, mentre la seconda già verdeggia e ci ricorda che la primavera, almeno quella astronomica, è dietro l’angolo.

Un’ideina sul perchè ce l’avrei….

Alessandro / GPH

Meraviglia – foto di Alessandro Guerrini

meraviglia - foto di alessandro guerrini

Dietro l’obiettivo gli stessi occhi e la stessa meraviglia di più di quarant’anni fa……

OK, si trova su territorio pisano (‘pisese’ per i più precisini :-)), però la torre pendente è sempre e comunque una meraviglia, per tanti motivi, per grandi e piccini.

Alessandro / GPH

What next? – foto di Alessandro Guerrini

next - foto di alessandro guerrini

E quindi? Che si fa? Si continua a latitare? Non riesco proprio ad accettare l’idea che questo spazio debba agonizzare in questo modo sprofondando verso un lento oblio. E io, che sono sicuramente parte del motivo per cui il sito sta prendendo questa direzione, che m’invento? E’ senz’altro vero che il tempo a disposizione è adesso molto meno di quello che potevo dedicargli anni fa: ma possibile che non ci sia una via di mezzo tra l’essere presenti con costanza ed il non esserci affatto? Si che c’è. Non serve per forza pubblicare solo post complessi che presuppongono una certa mole di lavoro preparatorio – si possono pubblicare anche post molto più leggeri, magari legati ad una singola fotografia scattata in chissà quale occasione (anche per caso e con i mezzi tecnologici alternativi di cui ormai ognuno di noi fa uso quotidiano). Con o senza un commento scritto – a volte non serve nemmeno. Questo è il mio proposito. E voglio credere di poterlo realizzare senza troppi intoppi ulteriori per ridare un pò di linfa a questo spazio.

A presto

Alessandro / GPH