Cina – foto di Andrea Cassano

Una galleria di foto del nostro amico Andrea Cassano scattata durante un viaggio in Cina nel 2016.

Un viaggio in Cina regala emozioni contrastanti, portando da paesaggi naturali mozzafiato sul fiume Li nelle vicinanze di Guilin fino ai grattacieli ipertecnologici di Shanghai e Hong Kong. E passando dall’incredibile esercito di terracotta a X’ian alla grandiosità sconfinata della grande muraglia nei pressi di Beijing (Pechino).

  Andrea”

Alessandro / GPH

Sabbioneta, un altro sguardo – foto di Augusto Airoldi

A poca distanza dalla pubblicazione della galleria su Sabbioneta, l’amico Augusto Airoldi, ci offre un altro sguardo sulla cittadina mantovana; sguardo che esplora, sopra ogni altra cosa, i magnifici interni degli edifici della città ideale dei Gonzaga.    

Donato / GPH

Saline Siciliane – foto di Donato Guerrini

Risale al 2016, in uno dei tanti viaggi in Sicilia della mia vita, la visita alle affascinanti saline nel trapanese; ingegno nella costruzione, e gestione fra tradizione e modernità. Alla periferia di Trapani spiccano i fenicotteri; piu’ a sud, verso Marsala, gli elenganti mulini, i colori, le geometrie, le isole di Mozia, Stagnone e Favignana che fanno da sfondo impareggiabile…

Donato / GPH

Sabbioneta – foto di Donato Guerrini

Nulla di meglio di una livida domenica invernale per godersi in perfetta solitudine la struggente e decadente bellezza di Sabbioneta, nel mantovano. Costruita alla fine del XVI secolo dai Gonzaga, con i principi  umanistici e rinascimentali della città ideale, fa parte da 10 anni del Patrimonio dell’Umanità protetto dall’Unesco.

Donato / GPH

Gibellina Vecchia – Il Cretto – foto di Donato Guerrini

Oggi, 47 anni fa, la valle del Belice, in Sicilia, veniva squassata da un violentissimo terremoto. Gibellina, completamente distrutta e ricostruita altrove, è da allora assurta a simbolo, prima dell’abbandono, poi della speranza di riscatto e dell’utopia, infine della capacità tutta italiana a non completare quanto iniziato. Il simbolo dei simboli é il Cretto, opera ciclopica di Alberto Burri. L’artista umbro ha coperto le rovine del vecchio borgo con una colata di cemento alta un metro e mezzo, mantenendo pero’ perfettamente la planimetria della cittadina.

Un potentissimo ed emozionante monumento che cristallizza la memoria; una delle opere d’arte più grandi al mondo e fra le meno conosciute e valorizzate in Italia. I pochi fortunati che ne hanno notizia e che riescono a trovarlo in barba alla disastrata viabilità della Sicilia interna, possono così goderselo in perfetto silenzio e solitudine.

Donato / GPH

 

Gibellina Nuova – foto di Donato Guerrini

Gibellina, adagiata su un colle della valle del Belice è stata completamente rasa al suolo dal terribile terremoto del 1968. Racconta una parabola tutta italiana: distruzione, abbandono e approssimazione, ma anche tensione al riscatto, passione e cultura. Sullo sfondo, ma non troppo, il contrasto eterno fra natura e cemento, in questo caso sviluppato anche in modo altissimo e simbolico con l’opera di Alberto Burri nel vecchio sito di Gibellina.

Gibellina Nuova è stata ricostruita ad una ventina di chilometri di distanza, con il contributo di artisti e urbanisti, chiamati in Sicilia da Ludovico Corrao, a più’ riprese appassionato sindaco della città. L’idea di Corrao era di promuovere l’arte come riscatto, la sua utopia di ricostruire una città ideale. Nel mio viaggio del 2013, con un po’ di tristezza, ho visto Gibellina Nuova come una magnifica incompiuta, forse destinata a rimanere per sempre tale, visti i segni già evidenti di una acerba decadenza.

Donato / GPH

 

Parco botanico e giardino delle orchidee – Singapore – foto di Alessandro Guerrini

Il giardino botanico di Singapore, ed in particolare la zona dedicata alle orchidee, è un must di questa città così sorprendente, anche per chi non è un patito delle piante e dei fiori: si possono trovare delle varietà impensabili ed una concentrazione di colori pazzesca comunque affascinanti. Ed il tutto sempre contornato da una pulizia impeccabile e da una maniacalità impressionante di chi lavora per proporre al pubblico nel miglior modo possibile quello di cui si sente più che fiero: uno spettacolo difficilmente ripetibile! Ma il concetto è secondo me applicabile a qualunque attività – pubblica o privata – qui presente: è proprio una questione di cultura ed approccio al lavoro, ben diverso da quello a cui siamo abituati in Italia nella maggior parte dei casi. Certo, tanto per fare un esempio, tutta un altra storia rispetto al Giardino degli Iris fiorentino, di cui ho parlato in passato: lì mi sono trovato si davanti a fiori bellissimi, ma contemporaneamente anche davanti ad un giardino per nulla curato. E ne conseguì una sensazione di generale abbandono invece che di qualcosa di cui essere fieri e di cui poter magnificare.

Alessandro / GPH

Marina Bay – Singapore – foto di Alessandro Guerrini

Prima tappa uno scalo veloce a Singapore di un giorno e mezzo: di conseguenza veramente una toccata e fuga. Mi sono concentrato principalmente su Marina Bay la prima sera – per una volta vista dal vero e non in televisone durante il Gran Premio di Formula 1 – e, il giorno dopo,  sul giardino botanico nazionale (quello originale e non quello appena aperto proprio accanto a Marina Bay), ed in particolare sulla parte dominata dalle infinite specie di orchidee, che saranno il tema del prossimo post. Che dire….Marina Bay ed il Marina Bay Sands sono semplicemente impressionanti, soprattutto se visti di notte con la coreografia cromatica delle luci che illuminano tutta la zona. Ma lo è tutta questa città-stato con i suoi mille centri commerciali aperti praticamente 24 h, e la sua pulizia maniacale di ogni ambiente. E poi la vera integrazione razziale: un pout pourri di umanità – a Singapore puoi veramente incontrare persone di ogni genere e di qualunque estrazione sociale, che convivono tranquillamente l’una accanto all’altra senza particolari problemi.

Alessandro / GPH

Giappone – foto di Andrea Cassano

Una nuova galleria di foto del nostro amico Andrea Cassano scattata in varie città durante un viaggio in Estremo Oriente.

Giappone, un mondo a parte.

Il luogo dove le contraddizioni sono in armonia, dove il grattacielo ipertecnologico è costruito rispettosamente accanto all’antico tempio in legno; dove la frenesia del lavoro convive coi ritmi lenti delle cerimonie tradizionali, i bianchi fiori dell’hanami con la futuristica skyline di Tokyo.

Tokyo, Kyoto, Nara, Osaka, Hiroshima…: ciò che colpisce in ogni grande città giapponese è la gente, ovunque egualmente gentile, rispettosa, formale, mai fredda o indifferente. Per educazione, tradizione, ma senza dubbio anche per indole e attitudine.

Un mondo a parte, da visitare o in cui tornare.”

Andrea     

Alessandro / GPH

L’Abbazia di Sant’Antimo e la campagna toscana – foto di Alessandro Guerrini

Dopo una giornata grigia e piena di pioggia come quella appena trascorsa mi è venuta voglia di un pò di colore. Ho quindi rispolverato qualche foto scattata quest’estate nei pressi dell’Abbazia di Sant’Antimo in provincia di Siena. Nei primi mesi estivi, quando il sole non ha ancora ‘bruciato’ tutto, i colori che si possono trovare nella campagna toscana sono molto vivi. E l’abbazia, che ho visitato più volte nel corso degli anni, è di per se un posto particolarmente stimolante dal punto di vista fotografico. La combinazione di tutti questi elementi è il risultato della galleria di questo post.

Alessandro / GPH